FULLBODY LIBERTA' IN MOVIMENTO

FULLBODY è un programma che attraverso l’ applicazione delle conoscenze teoriche e degli studi sul dimagrimento e sulla ginnastica posturale e fitness, è in grado di fornire dei risultati tangibili in termini di diminuzione della massa grassa. L’aspetto allenante è correlato a quello funzionale e posturale. L' idea del FULLBODY nasce come un attrezzo che lavora a 360° su tutti i distretti muscolari, stimolando l’organismo e il fisico alle richieste provenienti dall’ambiente esterno e interno, ovviando così alla noia come una valida alternativa alle solite lezioni in palestra ottenendo risultati personalizzati. La componente funzionale e posturale è garantita dall’utilizzo di esercizi fisioterapici all’interno delle lezioni. 

Obiettivo: fornire protocolli di lezione a base musicale in grado di garantire risultati come: -Il dimagrimento -La definizione muscolare -L’equilibrio posturale -Benessere fisico e mentale Protocolli di lavoro: -Esercizi di stretching e di condizionamento muscolare -Protocolli di lavoro aerobico -Metodo a blocchi -Metodo a sequenze -Programmazione dell’allenamento Conclusioni: Il FULLBODY è il primo programma globale – funzionale di fitness collettivo in cui le conoscenze teoriche sono state applicate a protocolli di lavoro pratico in grado di garantire risultati in maniera costante e programmata.

Applicazione dei principi dell’allenamento La metodologia del programma di allenamento con il FULLBODY tiene in considerazione sia l’aspetto allenante che quello ludico, che deve avere ogni lezione di gruppo. Tale lavoro nasce da una ricerca effettuata da un team di professionisti che per conoscenza ed esperienza hanno saputo integrare le loro capacità realizzando un programma di lavoro innovativo nel suo genere. La struttura base della lezione prevede esercizi che vengono combinati tra loro in blocchi. L’esercizio è composto o da movimenti codificati (Squat, Affondi, Alzate laterali, Lunge…) che interessano, all’interno dello stesso esercizio, il distretto superiore, quello inferiore o entrambe. Grazie alla funzione che il FULLBODY applica alla muscolatura del dorso che viene sollecitata costantemente, sia nel mantenimento della postura , sia durante tutto il movimento del tronco è possibile creare le prime due basi dell’allenamento, il sovraccarico e la specificità. Il sovraccarico perché l’esercizio rappresenta il primo stimolo allenante e la specificità perché in funzione dei movimenti codificati scelti ed inseriti all’interno si definisce quale gruppo muscolare lavorare o quale distretto del corpo e con quali obiettivi. La scelta dei movimenti che compongono la programmazione delle lezioni daranno vita a differenti esercizi:

a) Base

b)Combinato

c) Combinato ad inserzioni

d) Integrato

e) Misto

Programmazione dell’allenamento L’allenamento consiste nella programmazione e nella periodizzazione degli stimoli che portano il corpo a migliorare la sua prestazione. La programmazione consiste nell’organizzazione razionale del carico d’allenamento e quindi del rapporto tra intensità e volume. Per intensità intendiamo le variazioni del singolo esercizio in grado di renderlo più intenso ma che richiedono capacità di controllo maggiori. Per volume ci riferiamo a tecniche per innalzare l’intensità dell’intero allenamento. Le lezioni saranno strutturate in cicli mensili, trimestrali e annuali. La scelta degli esercizi sarà dettata dal periodo dell’anno, degli obiettivi perseguiti in quel periodo e dagli utenti ai quali andremmo a proporre l’allenamento. Gli studi hanno portato a conoscenze specifiche in grado di rendere gli allenamenti di gruppo sempre più efficaci sia dal punto di vista fisiologico che dal punto di vista biomeccanico. L’applicazione pratica di queste conoscenze garantisce risultati in grado di soddisfare le esigenze degli utenti di fitness. L’obiettivo di una lezione di fitness è l’allenamento ed è possibile raggiungerlo solo con una buona programmazione del lavoro. Ogni lezione è un allenamento di tipo coordinativo e allo stesso tempo condizionale. I parametri ai quali fare riferimento sono: -Difficoltà: si riferisce alla progressione pedagogica al fine di migliorare le abilità coordinative mantenendo l’allievo in una zona di apprendimento in grado di migliorare la sua autostima. -Intensità: si riferisce all’ allenamento attraverso l’incremento delle capacità condizionali in grado di garantire costantemente dei miglioramenti fisici e fisiologici.

Fasi della lezione con il FULLBODY Le fasi che compongono la lezione sono: Riscaldamento: movimenti base che hanno l’obiettivo di preparare il corpo ad affrontare fasi della lezione più intense. Fase aerobica: può essere a bassa, media o alta intensità ed è composta da movimenti base o concatenati in sequenza. Ogni esercizio è soggetto a variazioni di intensità e difficoltà. Fase di condizionamento muscolare: è composta da movimenti base o in sequenza di condizionamento muscolare per gli arti inferiori e superiori, mono articolari o multiarticolari. Ogni movimento è soggetto a variazioni di intensità o difficoltà. Questa fase si può svolgere in stazione eretta o al suolo. Defaticamento: ha l’obiettivo di riportare il corpo verso una condizione di riposo. Ogni lezione prevede per ogni fase un incremento dell’intensità settimanale.

 

Massimiliano Mori  EXTsport

EXTRAFISIKA

http://www.extrasportextensor.com/

Lezione di FullBody